The Truthteller (@tha.truthteller)

Analizziamo il primo strato del Deep Web: la parte accessibile.

Possiamo trovare siti pornografici, pedopornografici, stupri. Negozi online rivenditori di droga e armi, e ricordiamo che non bisogna avere documenti o altro per Comprare sul Deep Web! Si paga in Bitcoin, una moneta virtuale che vale circa sui 13k euro al giorno d'oggi. Bisogna utilizzare dei punti di ritiro comuni, un banco poste, qualcosa che non sia casa vostra. Non ci vuole nulla a rintracciarvi e tracciare il vostro IP, dopotutto non state parlando o navigando in un web di persone stupide, non credete?
Questo non è un invito a comprare dal Deep Web. Ripeto, ne va a rischio la vostra salute e il vostro dispositivo, che sia PC o Cellulare.
#deep #deepstories #deepfacts #deepweb #bitcoin #ip #tracking #cellphone #computer #drugs #documents #guns #follow #followme #followplz #followmeplz #morefollowers #like #instalike

The Truthteller (@tha.truthteller)

Il web sommerso (o in inglese deep web), spesso erroneamente confuso con il dark web, è l'insieme delle risorse informative del World Wide Web non indicizzate dai normali motori di ricerca. Per spiegare la mole di dati presente nel deep web si utilizza la metafora dell'iceberg, dove la parte al di sopra dell'acqua corrisponde a tutte le pagine del web indicizzate dai motori di ricerca: il cosiddetto web accessibile; mentre la parte sostanziale dell'iceberg si trova sommersa e corrisponde al web sommerso.

Secondo una ricerca sulle dimensioni della rete condotta nel 2000 da Bright Planet[1], un'organizzazione degli Stati Uniti d'America, il Web è costituito da oltre 550 miliardi di documenti e 18 milioni di GB, mentre Google ne indicizza solo 2 miliardi, ossia meno dell'uno per cento. Questi dati rimagono approssimativi in quanto il direttore dell'istituto di informatica e telematica CNR di Pisa, Domenico Laforenza, ha ammesso che non esistono metriche e tecnologie per misurare l'effettiva ampiezza del Web sommerso.

I documenti che fanno parte del Web invisibile possono essere suddivisi nelle seguenti categorie:

Contenuti dinamici: pagine web dinamiche, ovvero pagine Web il cui contenuto viene generato sul momento dal server, che possono essere richiamati solo compilando un form o a risposta di una particolare richiesta;

Pagine non collegate: pagine Web che non sono collegate a nessun'altra pagina Web. Se l'accesso non è impedito da adeguate impostazioni di sicurezza, il motore indicizza la parent directory del sito, che contiene non solo le pagine visibili, ma tutto ciò che è caricato nel server ospitante;

Pagine ad accesso ristretto: siti che richiedono una registrazione o comunque limitano l'accesso alle loro pagine impedendo che i motori di ricerca possano accedervi;

script

Contenuti non di testo •Software e Malware.

Argomenti sul Deep Web in futuro, per adesso solo spiegazione. In ogni caso non entrateci.

#deep #deepweb #facts #deepfacts #malware #script #virus #spyware #factaboutdeepweb #deepstories #accessdenied #google #america #18Gb #18 #hashtag #follow #followme #followplz #followmeplz #morefollowers #like #instalike

The Truthteller (@tha.truthteller)

La leggenda di Edward Mordake. La storia Britannica narra di lui come "l'uomo con due volti" perché aveva oltre al viso con muscoli funzionanti e con emozioni, un volto sulla nuca, che non riusciva a parlare siccome privo di corde vocali, ma era in grado di fare smorfie e di piangere, non facendo così dormire il povero Edward. I medici di quel tempo (intorno al XIX secolo) non avevano strumenti tecnologici come noi, quindi lo studio del paziente era molto superficiale. Edward inoltre, chiese a dei medici di asportare la faccia, il volto che stava dietro di lui, ma nessun medico si prese la responsabilità di farlo, siccome il rischio di morte era veramente alto. Edward si suicidò all'età di 23 anni a causa dell'insonnia provocata dal suo volto "demoniaco". #deep #doubleface #uk #xix #23 #suicide #anotherface #medic #patient #edward #mordake #deepstories #follow #followme #followplz #followmeplz #morefollowers #like #instalike

The Truthteller (@tha.truthteller)

Il ponte Tacoma. Inaugurato la prima volta nel 1940, il 7 Novembre di quello stesso anno, dovuto alle oscillazioni generate dal vento, comincio a piegarsi e a rivoltarsi su se stesso, arrivando a formare angoli da 45°. Il problema fondamentale non era la velocità delle raffiche del vento, si scoprì grazie ad uno studioso italiano, Giulio Krall, che le raffiche risultavano avere la stessa frequenza del materiale con cui era stato costruito il ponte, rendendolo così, facile da spostare. Verso le 10 di quella mattina del 7 Novembre crollò definitivamente. Il ponte fu ricostruito dopo la seconda guerra mondiale, nel 1950.

#tacomabridge #tacoma #bridge #wind #accident #fourtyfivedegrees #italian #america #facts #follow #followme #followplz #followmeplz #morefollowers #like #instalike

The Truthteller (@tha.truthteller)

Collisione e interazione tra due proiettili sparati nello stesso momento da soldati diversi durante la seconda guerra mondiale, probabilmente appartenenti a armi di calibro elevato.

#guns #shoot #bullets #collide #collision #calibre #ww2 #soldiers #follow #followme #followplz #followmeplz #morefollowers #like #instalike
More...